• newsletter5

Ricerca nel web con google

Le faccette in porcellana

imageINNOVAZIONE

I denti anteriori ed in particolar modo quelli superiori, condizionano in maniera decisiva l' armonia del sorriso e dell'intero volto. Esistono situazioni in cui i denti anche se non particolarmente danneggiati, possono presentare imperfezioni varie come alterazioni del colore, della forma, disallineamenti, aumentato spazio fra i denti, fratture o in qualche caso semplicemente una forma non appropriata alla fisionomia del soggetto.

In questi casi è possibile ricorrere all'applicazione di faccette in porcellana che sono sottili lamine di ceramica di 0.5-0.7 mm. di spessore che vengono cementate sulla superficie esterna del dente. Gli elementi dentari vengono "preparati" cioè assottigliati limitandosi alla parte più superficiale dello smalto Si tratta quindi di un intervento poco invasivo perchè viene sacrificata solo una piccola porzione del smalto.

E' indispensabile che il dente non sia eccessivamente danneggiato o presenti vecchi restauri particolarmente estesi: in tal caso trovano una più precisa indicazione le corone complete in ceramica integrale o in zirconio.La valutazione estetica del paziente è di fondamentale importanza avvalendosi di fotografie nelle varie proiezioni e dei modelli in gesso. Utile è sicuramente la cosidetta ceratura diagnostica cioè una simulazione in cera della forma che avranno le faccette definitive in modo da poter concordare con il paziente eventuali modifiche.

Una volta intervenuti sui denti viene presa un impronta delle arcate con materiali di altissima precisione che viene poi inviata ad un laboratorio odontotecnico specializzato. Il paziente lascia lo studio dopo l'applicazione di faccette provvisorie in resina che presentano in buona approssimazione l'aspetto del restauro definitivo. Sarà l'odontotecnico ad occuparsi della realizzazione dei manufatti stratificando la porcellana in pasta che viene poi cotta in un forno ad altissima temperatura.

A lavoro ultimato le faccette vengono provate in bocca e sottoposte al giudizio del paziente. Altrettanto importante è verificare che questi non abbia alcuna difficoltà di pronuncia. La cementazione viene effettuata con resine composite di colore adeguato e dall'altissimo potere adesivo. Una volta fissate ai denti le faccette risultano essere molto resistenti anche se è assolutamente sconsigliabile morsicare oggetti o cibi particolarmente duri che potrebbero provocare fratture dei bordi incisali.

Non sono candidati a tale trattamento pazienti bruxisti cioè che digrignano i denti, con malocclusione di terza classe o che per ragioni sportive sono soggetti a traumi dentali. In conclusione le faccette in porcellana rappresentano un trattamento innovativo, poco invasivo e che consente risultati estetici straordinari e stabili nel tempo.

A cura del Dott. Claudio Regolo

Newsletter

Ricevi promozioni e omaggi dai centri estetici di Roma e provincia.

Ricerca Centri Estetici

Search for:



Postcode
City