• newsletter5

Ricerca nel web con google

Come eliminare i tatuaggi

tatuaggio a forma di farfalla sulla pancia di ragazzaTatuaggi

Il Dott. Giancarlo delli Santi risponde alle domande più frequenti per eliminare dei tatuaggi.

Per rimuovere i tatuaggi quali tecniche ci sono?

Dal punto di vista del chirurgo plastico esistono due possibilità l’intervento o la rimozione mediante LASER, di questi ne esistono molti tipi, ma quello più specifico oggi è il LASER Q-Switch.

In cosa si differenziano e con quale tecnica si ottengono i migliori risultati?

La chirurgia è più rapida, più traumatica, ma per residua sempre una cicatrice, il LASER Q-Switch invece rimuove le molecole del colore, agisce meno rapidamente, ma non occorre anestesia e soprattutto non restano cicatrici.

Si può rimuovere ogni tipo di tatuaggio oppure ci sono delle limitazioni per alcuni colori o per tatuaggi molto estesi?

Ogni colore viene rimosso da un tipo di LASER; oggi i colori meglio eliminabili sono il nero, il rosso, il verde scuro, il marrone scuro, mentre per il bianco ed i colori pastello c’è poco da fare. Riguardo all’estensione il tatuaggio più è piccolo e sottile prima scompare, un’area sopra i 10 cm² si cura con minore rapidità e risultati meno prevedibili

tatuaggio originale prima dell'intervento del laser tatuaggio originale prima dell'intervento del laser
Tatuaggio originale Tatuaggio dopo intervento

Come avviene la rimozione del tatuaggio?

Si deterge l’area e si inizia a trattare punto per punto, meglio applicare trenta minuti prima una pomata anestetica, durante e dopo il trattamento si anestetizza la pelle anche con il ghiaccio

Quante sedute servono, con quale frequenza, quanto dura ogni seduta e qual è il periodo dell’anno controindicato?

Il numero delle sedute è dipendente dal tipo di tatuaggio, dalla sua “età”, dai colori presenti e dal livello di professionalità di chi lo ha creato; facendo un discorso generico in “media” si effettuano sette sedute, ogni cinque sei settimane, che durano due minuti circa per ogni cm² di tatuaggio. Contrariamente a quanto si crede l’esposizione al abbronzatura-duratura-protezione-raggi-uv-idratare-pelle.html">sole non crea problemi nel nostro caso per cui è possibile trattare i tatuaggi tutto l’anno.

Una volta rimosso il tatuaggio, è possibile tatuarsi nuovamente nella stessa zona?

Non solo è possibile, ma la rimozione in questo caso è più rapida perché già dopo quattro sedute, in media, il colore è talmente ridotto che un nuovo tatuaggio può sovrapporsi.

Il costo è accessibile?

Il costo è funzione del tempo, ma rispetto ai costi medi della LASER chirurgia quelli per la rimozione dei tatuaggi sono accessibili. Per quanto mi riguarda li pubblico sul mio sito e per chiarezza faccio al paziente che mi contatta un preventivo di massima

Il tatuaggio scompare totalmente o può rimanere leggermente visibile?

Molto dipende dalla sede e dal tipo di colore, in alcuni pazienti può rimanere un 3-4% del colore, che comunque nel tempo tende ad essere mascherato. Infatti la zona trattata si schiarisce in quanto anche la melanina, il colore naturale della pelle, viene eliminato, ma questo è un fenomeno reversibile: col tempo il “colorito” normale ritorna e nella maggioranza di casi questo rende i residui del tatuaggio meno evidenti

La pelle può subire una sensibilizzazione?

In taluni rari casi, la reazione cutanea è eccessiva, allora bisogna sospendere il trattamento e attendere che si recuperi, quindi si riprendono le sedute aumentando gli intervalli a otto settimane

Una volta rimosso il tatuaggio, resta la cicatrice?

Praticamente mai se si usa il LASER Q-Switch nel modo opportuno, resta sempre la possibilità di una differenza tra la pelle sana e quella trattata, ma non sono esiti cicatriziali

La seduta di rimozione con questo tipo di laser è dolorosa?

Quando si rimuove il tatuaggio si prova un fastidio simile a quando lo si è fatto, ma in questo caso l’applicazione mezz’ora prima della seduta di una crema anestetica e l’uso del ghiaccio rendono tutto tollerabile ai più.

Quali sono le controindicazioni mediche all’intervento LASER?

Sono molto rare e relative, per lo più sono legate ad una possibile allergia al colore o ad una malattia epatica o renale in atto. In Gravidanza ed allattamento non si effettua alcun trattamento a titolo precauzionale

Lei nel suo studio di cosa altro si occupa?

Sono un chirurgo plastico, esperto in terapie LASER anti-Aging, ma a livello ambulatoriale mi occupo anche di filler, di Botulino, adiposità localizzate e cellulite; poi c’è tutta l’attività di chirurgia estetica.

A cura di, Dott.Giancarlo delli Santi

Newsletter

Ricevi promozioni e omaggi dai centri estetici di Roma e provincia.

Ricerca Centri Estetici

Search for:



Postcode
City