• newsletter5

Ricerca nel web con google

Intervento di mastoplastica e mastopessi

seno fasciato dopo operazione di mastoplastica Mastopessi

L’aumento del volume del seno, congenitamente piccolo o di misura inferiore alle aspettative, viene effettuato attraverso l’impianto di protesi adeguate e proporzionate all’esigenza della paziente. La scelta del tipo di protesi da utilizzare viene fatta sulla base dell’esperienza del chirurgo, tenendo conto delle condizioni individuali che possono far orientare su un tipo rispetto ad un altro.

Oltre ai desideri ed alle aspettative della paziente, bisogna considerare alcuni parametri fisici quali ampiezza del torace, consistenza della pelle e della ghiandola mammaria presente. L’intervento deve essere effettuato considerando l’equilibrio e le proporzioni delle parti evitando eccessi che potrebbero dare risultati poco armoniosi.

La protesi viene inserita praticando una piccola incisione (3-4 cm) o nel solco sottomammario o sul bordo dell’areola a seconda dei singoli casi e delle preferenze. Attraverso l’incisione viene creata una tasca o sotto la ghiandola o sotto la fascia o sotto il muscolo pettorale in cui viene alloggiata la protesi. Anche la scelta della sede (sottoghiandolare o sottomuscolare) viene fatta sulla base di valutazioni individuali spesso anche intraoperatorie. L’intervento generalmente si esegue in anestesia generale ed in ogni caso la paziente potrà tornare a casa dopo poche ore dall’intervento.

La medicazione consiste nell’applicazione di alcune strisce di cerotto largo per proteggere e sostenere la mammella. Dopo la rimozione del drenaggio (necessario per prevenire una raccolta ematica) e cioè uno o due giorni dopo l’intervento, il cerotto viene sostituito da un reggiseno di contenzione che la paziente dovrà portare giorno e notte per un mesetto circa. I punti di sutura, se si utilizzano quelli non riassorbibili, vengono rimossi dopo 10-15 giorni.

E’ necessario evitare sforzi che impegnino i muscoli pettorali e la regione toracica interessata dall’intervento nei primi 15 giorni ed evitare qualsiasi pratica sportiva per 1 mese. L’unica controindicazione all’impianto è la presenza di una qualche patologia a carico della ghiandola mammaria. La presenza della protesi non interferisce in alcun caso con la fisiologia della ghiandola mammaria per cui anche un eventuale allattamento è possibile.

donna con segni al seno per operazione di mastoplastica

L’utilizzo attuale di protesi più sicure e “moderne” associato ad accorgimenti del chirurgo ha ridotto notevolmente rispetto al passato le complicanze post operatorie, comunque risolvibili, come la contrattura capsulare (indurimento della mammella secondario a reazione fibrosa) .

Mastoplastica Riduttiva e Mastopessi

L’ ipertrofia (aumento di volume) e la ptosi (rilassamento) della mammella sono condizioni piuttosto frequenti e causa di notevole imbarazzo psicologico per le donne che hanno questo problema. La difficoltà nel trovare indumenti adatti, l'impossibilità ad indossarne altri che la moda odierna propone, la limitazione nelle pratiche sportive oltre a dolori alle mammelle, alle spalle ed alla colonna vertebrale, sono i fattori principali che spingono le donne portatrici di tali inestetismi a richiedere una correzione estetica.

Esistono diverse tecniche chirurgiche che, prendendo come riferimento le cicatrici residue, possono essere suddivise in tre categorie:

  • Cicatrici a "T invertita" o "ad ancora" quando si è in presenza di un seno particolarmente voluminoso e pendulo.
  • Cicatrice verticale con eventuale piccola cicatrice orizzontale nel solco sottomammario, in caso di seno moderatamente voluminoso e rilassato.
  • Cicatrice esclusivamente contenuta al bordo dell'areola per piccole riduzioni e rassodamenti.

Nelle prime due categorie oltre alle incisioni sopra descritte ne esiste sempre una attorno all'areola per riposizionarla in posizione più alta. L'intervento consiste nella riduzione del volume della mammella e del suo rimodellamento (riduttiva) o sollevamento (mastopessi) in modo da ottenere un seno più piccolo, più alto e più proiettato. La forma inoltre dovrà essere conforme al canoni estetici considerando l'età della paziente. L'intervento dura 2-3 ore può essere effettuato ambulatorialmente o con un giorno di degenza.

Le cicatrici sono evidenti nei primi tempi, ma dopo 6 mesi si schiariscono assumendo il colore della pelle circostante. Le normali connessioni tra ghiandola e capezzolo vengono conservate e così anche la sensibilità del capezzolo stesso che potrà essere ridotta solo nelle prime settimane. Le donne che pensano di avere una gravidanza in un periodo relativamente breve, rispetto alla data dell’intervento, è preferibile che rimandino l'operazione ad un'epoca successiva ad essa.

A cura di Dott. Pierluigi Bello - SPECIALISTA IN CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA

Newsletter

Ricevi promozioni e omaggi dai centri estetici di Roma e provincia.

Ricerca Centri Estetici

Search for:



Postcode
City