• newsletter5

Ricerca nel web con google

Contrastare l'invecchiamento del viso

bionda signora che si prepara al liftingLifting

Con il passare del tempo vari meccanismi concorrono a quei cambiamenti tessutali che nel loro insieme configurano il processo cui si da genericamente il nome di invecchiamento. Non solo la pelle perde turgore e lucentezza perchè progressivamente si disidrata ma le fibre elastiche si degradano ed il collagene si riduce.

Il pannicolo adiposo si modifica e le fasce muscolari si rilassano. Il supporto osseo si riduce. Oggi sono chiamati in causa vari meccanismi alla base di queste modifiche e l'azione dei radicali liberi ad azione ossidante esaltata spesso da elementi ambientali e nutrizionali è tra gli imputati maggiori.

Un tempo la chirurgia estetica interveniva quasi esclusivamente per rimettere nella giusta tensione i tessuti rilassati così da attenuare le pieghe e le rughe della pelle. Oggi ci si avvale anche del reintegro dei tessuti di sostegno tra i quali essenziale è il grasso sottocutaneo. Oltretutto non si tratta di un semplice recupero volumetrico perchè nel grasso innestato sono state individuate cellule staminali dotate di un importante potere rigenerativo. Oggi quindi non solo lifting e blefaroplastiche ma anche lipofilling o meglio innesto di grasso autologo centrifugato e purificato (lipostruttura).

Lifting facciale

Il lifting del viso deve essere eseguito nel momento in cui si evidenzia nel viso un rilasciamento cutaneo che provoca la comparsa di pieghe nella guancia, lungo il margine mandibolare o nel collo. Nella parte superiore della faccia, il lifting, è utile soprattutto per ristabilire un giusto tono a livello zigomatico e risollevare i sopraccigli. Quest'ultima cosa si può oggi ottenere anche con iniezioni di botulino che sono del tutto innocue e molto efficaci.

L'intervento viene oggi effettuato in anestesia locale; richiede 2-3 ore. Si tratta di una procedura del tutto indolore. Il ricovero può essere diurno, day-surgery, o richiedere un giorno di degenza in clinica. L'effetto principale è ristabilire la giusta tensione dei tessuti molli del viso afflosciati dal tempo. Passando attraverso una incisione cutanea posta davanti e dietro l'orecchio e tra i capelli, che lascerà una cicatrice pressoché inapparente, si scollano i tessuti cutanei e la fascia muscolare che saranno poi trazionati e sospesi.

Cosa è il soft lifting o lifting pausa pranzo?

Oggi la tecnica del lifting del viso è meno indaginosa di un tempo perché gran parte dello scollamento non è cruento ma eseguito utilizzando una cannula da liposcultura che lascia integri i setti e permette di modellare eventuali eccedenze adipose lungo il margine mandibolare del viso. Si parla infatti di Soft Lifting.

Quale è il decorso postoperatorio?

Nei 2 giorni successivi al lifting la persona avrà una fasciatura attorno al viso dopodiché sarà di nuovo presentabile e riprenderà le normali attività. Il gonfiore e le ecchimosi di norma dopo 4 giorni sono già inapparenti. Dopo una settimana sono rimossi i punti di sutura e si riprende la consueta vita sociale. Non restano segni evidenti perché le cicatrici residue sono nascoste dai capelli o corrono lungo pieghe naturali del viso.

Quanto si prevede possano durare gli effetti del lifting?

Si valuta che il ringiovanimento del viso prodotto da un lifting duri 8-9 anni. Trascorso questo periodo il lifting del viso può essere ripetuto.

Blefaroplastica

Come avviene la correzione estetica delle palpebre?

Nell'intervento di Blefaroplastica si eseguono delle incisioni cutanee che permettono di eliminare eccesso di pelle e le "borse" che danno allo sguardo un aspetto stanco e triste. Nella palpebra superiore per un migliore modellamento e risollevare l'angolo esterno dell'occhio oggi non si rimuove più un segmento semilunare di pelle, ma si esegue una asportazione più ampia sotto la coda del sopracciglio. Le cicatrici residue all'intervento di blefaroplastica divengono presto impercettibili. 

Il risollevamento del sopracciglio attraverso la blefaroplastica è oggi possibile con varie metodiche. Il lifting endoscopico è stato quasi del tutto abbandonato per la breve durata dei suoi risultati. Semplice e molto efficace si è invece rivelato l'impiego del botulino.

Quali miglioramenti ci si può attendere dalla Blefaroplastica?

La blefaroplastica è in grado di eliminare la piega di pelle che nella palpebra superiore scende fino a nascondere il bordo ciliare. Grazie alla blefaroplastica sono inoltre rimosse le cosiddette borse di grasso presenti sia nella palpebra superiore che inferiore. Le rughe peri-orbitali, "zampe di gallina", risentono solo in parte della procedura e per il loro trattamento vanno quindi associate ad altre procedure quali infiltrazioni o peeling.

Cosa richiede la Blefaroplastica?

La procedura relativa alla blefaroplastica è eseguita in day-hospital con una anestesia locale del tutto indolore. Per una settimana residua un certo gonfiore e possono essere presenti ecchimosi. E' quindi opportuno l'uso di occhiali da abbronzatura-duratura-protezione-raggi-uv-idratare-pelle.html">sole. Non resta in seguito alcun segno evidente.

Lipofilling

Sempre più usato è il trapianto di grasso autologo centrifugato e purificato(lipostruttura). La procedura consente un reintegro volumetrico nelle zone del viso dove si è verificato uno svuotamento con afflosciamento della pelle. Le zone che più ne beneficiano sono la guancia, le pieghe nasolabiali, la regione palpebrale. Il grasso viene prelevato generalmente dalla parte interna dei ginocchi ma anche dall'addome e dalle cosce. Una cosa molto importante della lipostruttura è l'azione rigenerante sui tessuti delle cellule staminali contenute nel grasso, una azione in grado di migliorare anche le zone atrofiche e cicatriziali. Quindi non si tratta di un semplice riempimento.

Procedure complementari: fillers, botulino, peeling, tonificazione

Riduzione delle Rughe con Fillers

Le rughe del viso si possono migliorare con l'iniezione di vari materiali: vanno usati solo preparati contenenti sostanze naturali riassorbibili mentre è da escludere l'iniezione di silicone. Il collagene è oggi meno usato per le possibili allergie e altre implicazioni mediche. L'acido ialuronico è sicuro ed efficace e può essere usato tranquillamente tutta la vita. Si eseguono micropunture nel derma distribuendo in modo omogeneo il materiale. In alcune zone è opportuno preparare la zona da trattare con applicazione di crema anestetica Hemla o effettuando una anestesia locale che consenta al medico di eseguire un lavoro accurato ed al paziente di non avvertire alcun dolore. Al termine del trattamento di riduzione delle rughe residua solo un lieve arrossamento della pelle che scompare in poche ore: qualora il paziente debba far fronte ad un impegno sociale immediato ogni minima traccia potrà essere coperta mediante l'uso di un correttore di colore cutaneo. Non restano comunque mai ecchimosi e gonfiori. Il risultato dura in media 6 mesi pertanto due sedute l'anno sono sufficienti.

Riduzione delle Rughe con Botulino

Da molti anni il botox è entrato nell'uso della medicina estetica per ridurre le rughe della regione frontale e periorbitale. Si riduce la forza di contrazione del muscolo ed in tal modo le rughe di espressione si attenuano fino a scomparire. L'effetto dura circa 4 mesi dopodichè il trattamento va ripetuto. Si tratta di una procedura sicura e se correttamente impiegato senza alcun rischio. Nel terzo superiore del viso il botulino permette di risollevare il sopracciglio dando più luce e giovinezza allo sguardo. L'effetto se non eccessivo è veramente piacevole.

Rinnovamento cutaneo con peeling

Il peeling chimico prevede l'applicazione sulla pelle di sostanze che provocano l'esfoliazione degli strati superficiali invecchiati. La pelle ne risulta pulita e levigata divenendo più luminosa e compatta. La procedura può essere esemplificata paragonandola alla rimozione degli strati esterni di una cipolla. Grazie alla pulizia delle cellule epidermiche più esterne, ormai morte e ipercheratinizzate, si recupera una pelle più liscia e fresca. Le macchie e le rughe più fini sono eliminate. I fibroblasti del derma sono inoltre stimolati con formazione di nuove fibre collagene.

L'acido glicolico consente un soft peeling delicato che può essere ripetuto nel tempo senza paura di danneggiare la pelle. In settori circoscritti quali la regione periorale può risultare più efficace l'impiego di una miscela contenente fenolo la cui applicazione su tutto il viso impone però una analgesia da effettuare in clinica. Dopo il peeling è prescritto per circa due settimane l'uso di creme schermanti ed il abbronzatura-duratura-protezione-raggi-uv-idratare-pelle.html">sole va preso con molta cautela

Tonificazione cutanea

Per contrastare il rilasciamento dei tessuti superficiali è utile il riscaldamento non ablativo del derma profondo. Si può così ottenere una contrazione delle fibre di mucopolisaccaridi con successiva formazione di nuovo collagene. Oltre al fenomeno di shrinkage con contrazione ed aumento della forza tensile delle fibre di collagene si ha la comparsa si nuove fibre elastiche. L'effetto clinico si esplica essenzialmente nel terzo inferiore del viso, l'angolo cervico-mandibolare, le pieghe nasogeniene ed il collo dove riduce la lassità cutanea. Il lifting biologico dovuto alla azione del calore si può ottenere mediante l'uso di una sorgente infrarossa (Titan) o la radiofrequenza (Thermage).

La prima metodica risulta più adatta alla attività di medicina estetica.Il suo impiego è infatti indolore e non è richiesta alcuna sedazione o anestesia. I risultati della tonificazione dei tessuti sono inoltre più costanti, ripetibili, e meno soggetti a variabili che ne rendono l'uso più agevole e meno costoso.

A cura di Prof. Carlo Grassi Montecatini Terme - www.drgrassichirurgiaestetica.it

Newsletter

Ricevi promozioni e omaggi dai centri estetici di Roma e provincia.

Ricerca Centri Estetici

Search for:



Postcode
City