• newsletter5

Ricerca nel web con google

Curiamo i nostri piedi

pianta-del-piede-in-primo-pianopiedi

Il benessere del corpo comincia dal basso. Se unghie, piante e alluci sono sani e curati, anche la nostra schiena, la circolazione e persino l umore lo è. Bisogna partire dalle unghie che devono essere curate, per questo è fondamentale tagliarle spesso e bene. Tagliarle infatti di frequente perché quando sono troppo lunghe rischiamo di sbattere contro le scarpe o, di lato, contro le dita vicine. Anche il taglio è molto importante per impedire che s’incarnino.

Il taglio deve essere orizzontale e lasciare sporgenti gli angoli. Mai reciderli o peggio strapparli. Alla fine del taglio la forma dell’unghia deve essere quadrata e mai arrotolata. Usare la tronchesina che taglia di netto ed ha la lama corta facilmente gestibile per fare angolo-centro-angolo. Meglio non usare le forbicine che tagliano meno di netto (l’unghia in questo modo potrebbe sfaldarsi) e hanno la lama troppo corta. Assolutamente da abolire il tagliaunghie.

Anche asciugare i piedi dal sudore e dall’acqua è molto importante, anch’essi infatti possono contribuire a rendere le unghie deboli e più soggette a sfaldamenti. Quindi occorre asciugarli davvero bene e soprattutto, con le scarpe da ginnastica, utilizzare sempre calze di cotone; mai dimenticarle poi se fa caldo.

Per prevenire il sudore basta utilizzare del talco prima di mettere le scarpe o una crema specifica antisudorale. Inoltre per prevenire i cattivi odori che possono insorgere si può utilizzare un deodorante naturale come il decotto di salvia: si prepara facendo bollire un ciuffo di foglie in un litro d’acqua per cinque minuti e poi lo si friziona sul piede con un batuffolo di cotone. Sulle scarpe invece si possono utilizzare spray, che si trovano anche al supermercato, oppure inserendo delle suolette che asciugano il sudore.

Con il caldo e la sudorazione possiamo andare incontro alla formazione facile di vesciche. Le vesciche sono bolle di plasma, ovvero la parte liquida del sangue, che si formano dove la pelle del piede fa attrito. Proprio per questo con le scarpe chiuse anche con il caldo vanno indossati i calzini. Appena ci si accorge che la vescica sta per comparire perché la pelle comincia a sollevarsi, si può usare un cerotto protettivo che si compra in farmacia e accantonare un po’ le scarpe che hanno causato il problema. Il plasma si riassorbirà in pochi giorni.

Se la bolla è troppo estesa e ormai è troppo tardi bisognerà necessariamente forare la bolla con un ago sterile dopo avere disinfettato la parte. Poi la parte verrà coperta con una garza che lascia però respirare la pelle. A volte può accadere che scoppi da sola. In questo caso la vescica va disinfettata con cura e coperta per qualche giorno. L’igiene deve essere massima in caso di rottura. Non camminare a piedi nudi, non immergere la parte del piede per troppe ore, la ferita va sempre coperta.

Con il caldo siamo anche più soggetti a gonfiori di gambe e caviglie. Ne soffrono soprattutto le donne, quasi una su due. Uno dei principali fattori di questo “fastidio” è la vasodilatazione a casa dell’alta temperatura. Un primo rimedio può essere tenere le gambe un pochino sollevate nelle giornate più calde (da evitare il sollevamento per tutta la notte), concedersi dei pediluvi frequenti e persino la dieta può aiutarci a prevenire questo.

Prima regola utilizzare il sale con molta parsimonia, esso infatti favorisce la ritenzione idrica, quindi oltre alla comparsa di cellulite si può accelerare il processo di gonfiore nella parte bassa del nostro corpo, da evitare anche l abuso di carne rossa, di zuccheri, caffeina e cioccolato. Nei piatti e mangiare molta frutta e verdura, che contiene bioflavonoidi che aiutano a fortificare le pareti dei vasi sanguigni. Eliminare sigarette e alcool. Anche l’abbigliamento è importante. Non indossare mai tacchi troppo alti e mai pantaloni troppo attillati. Assolutamente no alla vita sedentaria, lo sport infatti tiene in forma e aiuta sempre. Per prevenire i gonfiori sono sufficienti anche due sedute di ginnastica alla settimana. Il massimo sarebbe la corsa, ma anche il nuoto e la cyclette può fare molto bene.

Massaggi e creme sono fondamentali per i gonfiori.

Newsletter

Ricevi promozioni e omaggi dai centri estetici di Roma e provincia.

Ricerca Centri Estetici

Search for:



Postcode
City